Ogni dito, a parte il pollice che ne ha 2, è costituito da 3 articolazioni, distinte come volume ed importanza nella prensione, in articolazione metacarpofalangea, la più grande, articolazione interfalangea prossimale, quella intermedia, e interfalangea distale, quella più piccola (Fig. 1).

In una normale articolazione i capi articolari sono contenuti in una cavità delimitata da una capsula articolare rivestita da una membrana, denominata membrana sinoviale. I capi articolari sono rivestiti da una superficie perfettamente liscia, la cartilagine articolare, che consente un libero scivolamento tra di loro. La cavità articolare viene “lubrificata” da un liquido, denominato liquido sinoviale che fa si che lo scivolamento avvenga in modo ottimale (Fig. 2).

Quando la cartilagine si consuma o si altera per fisiologica usura o abnorme utilizzo dell’articolazione (gesti ripetitivi in attività lavorative), o per traumi o fratture che interessano la superficie dei capi articolari, o per altre cause infiammatorie che agiscono sul liquido sinoviale come l’artrosi primaria o l’artrite reumatoide, l’articolazione colpita diventa spesso rigida e dolente modificando a volte anche l’asse del dito, che si deforma (Fig. 2).

L'artrosi-delle-dita_2

In alcune condizioni diventa oggi possibile trattare chirurgicamente tali articolazioni utilizzando protesi di ultima generazione che consentono di eliminare il dolore preservando il movimento, evitando interventi chirurugici che in passato rappresentavano spesso l’unica soluzione, ovvero l’artrodesi o “bloccaggio” dell’articolazione, intervento che rimane ancora la prima opzione per le articolazioni interfalangee distali e che, grazie a moderni sistemi innovativi, può consentire una ripresa funzionale molto più rapida che in passato (Fig. 3).L'artrosi-delle-dita_1

Nel caso di protesi totale i capi articolari danneggiati vengono rimossi e sostituiti da componenti costituiti o da metalli speciali, o materiali plastici come il polietilene o altri materiali come il pirocarbonio, materiale altamente biocompatibile ed utilizzato in campo medico da ormai 35 anni come componente delle valvole cardiache artificiali (Fig. 4).

Le articolazioni più frequentemente trattate con protesi di nuova generazione sono le articolazioni interfalangee prossimali, preferibilmente quelle del 4° e 5° dito perchè non sottoposte alle forze eccessive che si esprimono durante la pinza tra il pollice e il 2° e 3° dito, e le articolazioni metacarpofalnagee (Fig. 1).

L'artrosi-delle-dita

La riabilitazione rappresenta una fase molto importante e può richiedere a anche alcuni mesi di trattamento potendosi giovare comunque di tutori di ultima generazione che consentono al paziente di praticare la riabilitazione analitica presso il proprio domicilio. Può essere importante anche considerare una serie di controlli periodici presso terapisti specializzati nella riabilitazione della mano.

Dopo un intervento di protesi totale digitale sono ovviamente da evitar attività lavorative che richiedono eccessiva gestualità ripetitiva e l’utilizzo di strumenti vibranti come il martello pneumatico.

Come tutti gli impianti protesici anche le protesi digitali sono soggette al rischio di mobilizzazione. In tal caso è ancora possibile intervenire chirurgicamente per la rimozione dell’impianto protesico e la fusione dell’articolazione.

L'artrosi-delle-dita_3

download-pdf

Per richiedere specifiche informazioni sulle patologie inerenti la chirurgia del polso e della mano o altri problemi ortopedici relativi all’arto superiore, le chiediamo di compilare i campi sottostanti; riceverà una risposta quanto prima.

Attività Libero Professionale Intramuraria

Poliambulatorio MEDICALSPA
Via Pilastroni 15, Uscita
Autostrada Brescia Centro o Brescia Ovest

Tel. 030 3545214

PTC Phisical Therapy Center

Via Fratelli Ugoni 4

Tel. 030 280248

Richiedi informazioni

Nome

Cognome

E-mail

Inserire il codice visualizzato nel campo sottostante:

Messaggio


Autorizzo il trattamento dei dati personali (richiesto)